11 luglio 2014

I crauti fatti con le rape

Le rape occupavano un posto importante nell'alimentazione perchè la loro coltivazione riusciva bene anche in quota e perchè ben si prestavano alla conservazione.
Per la riduzione in striscioline delle rape (piuttosto coriacee e perciò difficili
da trattare con la slitta da crauti) in Sudtirolo si adoperavano degli appositi
coltelloni ricurvi maneggiati, lavorando in coppia o anche in squadra, su un
ampio piano di lavoro in legno.
Per preparare i "crauti di rapa" il procedimento era analogo a quello seguito per i crauti classici, quelli ricavati dal cavolo cappuccio.
Crauti in Trentino, in Sudtirolo e nell'area tedesca venivano e vengono chiamati Rübenkraut.
In ogni caso si tratta di un costume alimentare probabilmente diffuso nell'intero arco alpino, sicuramente anche in Carnia,  Friuli e tra i monti sloveni, dove i crauti di rapa sono conosciuti col nome italianeggiante di rave garbe o con quello slavizzante di brovada o anche broada e che oggi viene riscoperta dai cultori del genere.

Nessun commento:

Posta un commento