12 giugno 2015

La moscaròla

Prima del frigorifero, quando le mosche erano a legioni.
moscaiola o moscarola
La moscaròla o moscaiola era fatta da un telaio in legno e pareti di garza o fitta rete
metallica, nel quale si mettevano i cibi per proteggerli dalle mosche. Posta nel luogo
più fresco della cucina o su una finestra esposta a nord, era usata per conservare i
cibi per brevi periodi di tempo, diciamo da un giorno all'altro.
La presenza degli animali nella stalla e del letamaio vicino a casa attiravano una miriade di mosche, mosconi e altri insetti coi quali bisognava rassegnarsi a convivere.
Carne, latte, formaggi, frutta, pane erano una formidabile attrazione per le mosche e andavano in qualche modo protetti. Lo si poteva fare semplicemente poggiandoci sopra una pezza di tela, oppure si poteva ricorrere alla più sofisticata gabbia di rete a maglia fine, che aveva il vantaggio di lasciar muovere l'aria, scongiurando così i ristagni di umidità.

3 commenti:

  1. ce l'ho ancora, in cantina fonda, e la uso

    RispondiElimina
  2. anche noi abbiamo la moscarola, molto simile a quella della tua foto. e anche noi la usiamo ancora, molto. è appesa ad un trave in cantina (il posto più fresco della casa:)

    RispondiElimina
  3. Mia madre ci metteva la carne e un padellino con l'acqua, per mantenere compatto il burro d'estate.

    RispondiElimina