24 maggio 2017

L'achillea millefoglie, l'erba dei prati che entrava nella farmacia di casa

L'achillea millefolium è una pianta che si trova quasi dappertutto e che era chiamata anche “erba del soldato”, “erba dei somari”, “millefoglie” o “sanguinella”.
I prati alpini ne sono pieni, anche sopra i 2.000 metri. Oggi il suo campo d'im-
piego in erboristeria è in fondo simile a quello della camomilla ma in passato
era usata per le sue proprietà emostatiche, come accadeva per la piantaggine.
👉 E' una pianta emostatica, cioè in grado di fermare le emorragie ed era usata in passato anche sui campi di battaglia: di qui l'appellativo di "erba del soldato" o "sanguinella" o, ancora "erba dei falegnami".
achillea millefoglie
Figura anche tra le erbe usate per aromatizzare la grappa. Di gusto moderatamente
amaro, stimola la secrezione dei succhi gastrici, favorisce l’appetito e la digestione.
👉In primavera si aggiungeva in piccole dosi alle minestre per renderle più digeribili oppure per dare un tocco di amaro alle frittate quando per la verdura dell’orto era ancora troppo presto. Era anche usata per aromatizzare il lardo, i formaggi freschi e per dare il gusto amaro alla birra in alternativa al luppolo.
👉In erboristeria, come la camomilla, svolge una funzione antinfiammatoria. Se ne fanno tisane, che hanno un sapore decisamente amaro. Agisce sull’apparato digerente, lenisce i dolori mestruali ed è impiegata nelle cure dermatologiche per pelli secche o screpolate e per varie patologie della pelle. È anche utilizzata nella medicina omeopatica per il sistema digestivo, per la cura dei disturbi del ciclo mestruale e nel trattamento di vene varicose, flebiti e ragadi anali.
achillea millefoglie
"Con l'achillea non c'è rischio di infezioni. E' il mercurocromo e la tintura di iodio che ci offrono le nostre campagne." (Maurice Mességué)

Nessun commento:

Posta un commento