30 aprile 2015

Carne salada trentina

La carne salàda è una specialità trentina nata per conservare la carne (che era un bene prezioso) quando ancora non esistevano i frigoriferi.
carne salada
Oggi viene consumata tagliata a fette sottili, sia cruda che scottata alla piastra.
Sulla sinistra carne salada scottata con  patate saltate, a destra cruda con fagioli.
Si preparava partendo dalla coscia bovina.  I tagli, ripuliti dalle le parti grasse e tendinose venivano cosparsi con sale grosso, pepe nero, aglio, ginepro, rosmarino, alloro e scorze di limone e poi stivati in un recipiente di legno.
Il contenitore veniva chiuso con un coperchio e sopra veniva poggiata una pietra per favorire la fuoriuscita dell'acqua e l'assimilazione degli aromi.
Durante il periodo di maturazione in salamoia la carne salada era conservata nella caneva (cantina), al buio e a temperatura costante.  Era pronta in  una ventina di giorni. Fino agli anni '50 si salmistravano i tagli da conservare per farne i bolliti invernali e primaverili (che venivano lessati nell'acqua senza sale perchè già saporiti e sapidi).

Nessun commento:

Posta un commento