1 marzo 2017

La tosatura delle pecore

Venivano tosate per motivi igienici (combattere zecche e altri parassiti) ma soprat-tutto per ricavarne la lana, una materia prima indispensabile per sopravvivere ai lunghi e freddi inverni delle terre alte.
tosature delle pecore
Per tosare le pecore si usava un tradizionale forbicione a molla, ricavata alla forgia
da un'unica barra di metallo. La tosatura è oggi occasione di eventi etnico-turistici
in molti paesini, come la festa della "tosada" di Peio, in Val di Sole, un paese che
è stato il più alto dell'impero asburgico e che pure ora conserva il record altimetri-
co anche se solo per il Trentino. (fotografie di Umberto Zanella)
Dalla lana si ricavavano maglioni, calze, giacche, berretti, guanti, mu-tandoni e canottiere a manica lun-ga. E sempre con la lana si imbot-tivano i materassi, quelli migliori e più "di lusso".
Ma la lana poteva anche essere venduta per ricavarne qualche soldo che era molto utile in un'eco-nomia non monetaria come era quella degli insediamenti più alti ed estremi.
Oggi la lana delle pecore non ha più alcun interesse commerciale e non viene più utilizzata se non in quantità trascurabili per ricavarne semplici gadget per i turisti.

Nessun commento:

Posta un commento