22 febbraio 2018

Lo smacafam trentino

Lo smacafàm è una padellata di farina, lardo e latte (o uova) a cui vengono poi aggiunti i pezzetti di luganega fresca. Così rinforzata, questa robusta torta salata viene poi passata al forno.
smacafam
L'origine del termine (smàca = spingi, picchia con forza e fàm = fame) si riferisce
alla capacità di placare l'appetito. E' un piatto che arriva dalla cucina povera delle
campagne e gli ingredienti fanno capire che il nome è pienamente giustificato.
Lo smacafàm è dunque una focaccia salata della tradizione trentina, legato ai mesi invernali e al carnevale. È una torta salata che si mangia calda.
Ogni famiglia lo preparava seguendo una propria ricetta: così la farina poteva essere solo bianca o mischiata con quella saracena e nella pasta possono essere inseriti altri ingredienti tipo la pancetta affumicata ed il lardo.
Questa focaccia con la luganega oggi viene servita anche come piatto principale assieme a insalata cicoria che ben si sposa con questi sapori forti.

smacafam
L'impasto viene poi infornato e cotto fino a raggiungere una consistenza morbida che in questa foto richiama quello di un appetizer degli street-food più modaioli.

Nessun commento:

Posta un commento